Il blog dell'Indie Snob

Chi/cos’è l’Indie Snob

L’Indie Snob nasce qui e successivamente qui, ma prima ancora nasce ai concerti, alle serate, in giro per le strade, nei negozi di dischi, chiuso nella sua cameretta, dietro ad un pc.

L’Indie Snob è un riassunto di anni e anni di esperienza sul campo, di massime più o meno memorabili raccolte in giro, sentite di sfuggita, sopportate o, perchè no, partorite in prima persona dalla deviata mente che si nasconde dietro al progetto.

L’Indie Snob è una figura fondamentalmente insopportabile, che vive su un piedistallo e giudica il mondo esterno con una spocchia apparentemente inattaccabile. Per questo è divertentissimo ridere di lui.

15 commenti »

  1. Ho lavorato per anni in un negozio di dischi,oltre a frequentare concerti e locali come cliente prima,ed in seguito come dj(indie,rock ma non solo).Ho raccolto una quantità enorme di minchiate,dall’esperto con le sue pippe mentali,alla signora dell’alta società,per passare al ragazzetto rinco per arrivare al migliore..lo GGNORANTEE!Se t’interessa qualche perla di saggezza,sarò lieto di condividerle.Intanto ciao e buon lavoro.

    Commento di Andrea Cancian — 5 marzo 2010 @ 17:50

  2. Grazie L’Indie Snob per ridarmi il sorriso anche nei giorni più no.

    Commento di Cos — 24 marzo 2010 @ 21:27

  3. “i nirvana erano una discreta punk band e dopo il lato a di nevermind erano finiti”

    “il grunge non è mai esistito. si chiama musica popolare americana”

    tutto questo, e di più, se sbirci su walwian.com
    ciao.
    complimenti.

    Commento di luca — 24 marzo 2010 @ 21:37

  4. ommioddio, ma sono io!

    Commento di Mr Montag — 11 aprile 2010 @ 21:55

  5. spacchi!

    Commento di andrea — 12 aprile 2010 @ 01:22

  6. Non puo’ esserci confronto tra Lou Reed e gli altri, lui é un drammaturgo, un poeta….

    Commento di Altar Boy — 17 aprile 2010 @ 21:12

    • “a me non piacciono, ma li rispetto moltissimo”

      Commento di ilcobradiravacciano — 10 maggio 2010 @ 10:34

  7. Ho votato tutte quelle che ho già detto.
    bises, k

    Commento di Keca — 29 maggio 2010 @ 20:11

  8. sono io, vi amo :°-D

    Commento di cipputina — 26 agosto 2010 @ 17:41

  9. Credo che sia divertentissimo, e credo di sentirmi molto indie snob, per certi punti di vista. Io noto tutto quello che ho intorno per poter giudicare, snob però non mi piaceva definirmici, anzi era anche un po’ brutto. Mi definivano classista. Ma INDIE SNOB suona molto meglio, grazie.

    Commento di Serena — 9 settembre 2010 @ 20:42

  10. è terribile. Mi sono reso conto di essere un tremendo rompicoglioni. La prossima volta che sarò sul procinto di dire una qualche puttanata pseudomusicale me la terrò per me. Anzi no te la mando. Anche se non fa ridere. Così ti intaso la posta.

    E comunque Dente è una rivelazione nell’indie perchè è esteticamente un cesso. Se avesse la faccia di Biagio Antonacci, sarebbe il prossimo Biagio Antonacci.

    Commento di Masskarma — 11 ottobre 2010 @ 21:29

  11. 😀 tragicomico (l’indie) fantastico (il tuo blog)

    Commento di Il Dissonante — 13 ottobre 2010 @ 15:23

  12. no comment
    volevo solo sapere se esiste una newsletter e come iscrivermi.
    Scusate la mia incapacità

    Commento di nico — 23 dicembre 2010 @ 11:49

  13. Grande e interessante progetto! Complimenti. Ti invito a visitare anche il nostro http://www.bandblog.it. Un blogi di artisti sconosciuti ma non solo! A presto. A.

    Commento di ALEX — 1 giugno 2011 @ 14:25

  14. Dopo una lunga fase della mia vita passata a stimarli e ammirarli da lontano senza averli mai dermatologicamente testati (quella che vedevo non era che una splendida patina dorata), adesso posso gridarlo con ampio dispiegamento di corde vocali, con cognizione di causa e non per averne sentito parlare per cliché:

    MI STANNO ALTAMENTE SUL CAZZO GLI HIP(PY)STERS ALTERNATIVES INDIE(CAPPATI)

    con la loro spocchia, la loro saccenza, la loro supponenza, il loro sfoggio culturale da quattro soldi, la loro esaltazione, il loro autoincensamento, il loro pseudo rivoluzionarismo di facciata, il loro pseudo anticonformismo che li spinge a credersi originali e diversi dal resto del mondo (i “pecoroni”), quando invece nulla è più banale del loro gregge di finte pecore nere e col loro sentirsi sempre 1000 gradini più in alto e 1000 miglia più avanti rispetto agli altri

    E sono stata sin troppo educata.

    Commento di belledamesansmercie — 13 marzo 2013 @ 02:18


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: